“Le viti e gli olivi contorti dall’atroce sforzo d’esprimere frutti così ricchi  da  membra così magre”
                                              (G. D’Annunzio)